L'esperto per voi
L’attività fisica ideale per gli anziani
07/06/2019

L’attività fisica può prevenire molti problemi di salute; praticare attività fisica regolarmente è una delle cose migliori che gli anziani possano fare.

Con l’invecchiamento molti apparati riducono la propria funzionalità, i più interessati sono l’apparato cardiovascolare e quello respiratorio, ma anche il sistema muscolo scheletrico e quello nervoso.

Prima di svolgere qualsiasi tipo di attività sportiva, è opportuno se non obbligatorio eseguire una visita specialistica medico-sportiva. Non solo una valutazione cardiologica ma anche una valutazione posturo-biomeccanica, per andare ad individuare ed eventualmente correggere alcune alterazioni biomeccaniche che possono essere dannose per l’organismo.

L’attività fisica è una medicina, da effetti benefici sull’umore (migliorando l’autostima); sull’apparato cardiovascolare, infatti ha benefici sulla dilatazione dei vasi del cuore, il che permette di migliorare la circolazione cardiaca, con conseguente diminuzione della pressione arteriosa; inoltre, aiuta sull’apparato osteo-articolare rinforzando le ossa e permette di mantenere il peso ideale.

Una cosa molto importante è che l’attività fisica da sola riduce la mortalità di qualsiasi malattia, ad esempio per chi ha una patologia metabolica come il diabete, l’attività fisica fa consumare il glucosio nei muscoli e quindi riduce la glicemia.

Che tipo di attività fisica è corretta per gli anziani?

L’attività fisica ha la funzione di aumentare la capacità aerobica, migliorando il trasporto e l’utilizzo dell’ossigeno (praticando ad esempio: nuoto, ballo, jogging, ecc…) e inoltre rafforza la potenza muscolare impedendo così l’ipotonia muscolare.

Cosa fare?

Iniziare con un riscaldamento, esempio camminare per 15 minuti eseguendo movimenti della braccia e delle gambe; alternare cammino a corsa leggera (2 minuti di corsa 1 minuto di passo) e alla fine eseguire allungamenti dei muscoli della colonna e delle gambe.

È fondamentale utilizzare calzature adeguate che diano stabilità e al momento stesso permettano di non sollecitare le articolazioni, utilizzare calze adeguate e proteggere la cute dove sono presenti deformità.