L'esperto per voi
I consigli del nostro esperto per il tuo benessere quotidiano.

Il nostro esperto, il Dr Simonetti, tratta tematiche di comune interesse, per approfondire e capire insieme le cause e le possibili soluzioni alle più frequenti patologie e problematiche legate al movimento.

In alcune patologie croniche come ad esempio l’artrite reumatoide e il diabete è frequente che si sviluppino deformità a livello del piede e specialmente all’avampiede.
I piedi sono gli “organi” più distali del corpo umano.In una giornata si stima che vengono effettuati dai 7500 ai 10000 passi.
Il piede è la parte più distale della gamba alla quale è articolato mediante l’articolazione della caviglia.
Capita spesso di sentire nel lessico comune: “Io indosso il plantare, mentre altri: io indosso la soletta”; ma tra i due termini c’è una grossa differenza. Facciamo chiarezza.
La distorsione della caviglia (articolazione composta da astragalo tibia e perone) è una patologia frequente negli sportivi, ma è anche un trauma comune, giornaliero, si stima che in italia ci siano 5000 traumi distorsivi della caviglia ogni giorno.
L’ulcera è una lesione della pelle o di un tessuto epiteliale, a lenta difficoltosa o assente cicatrizzazione.
Le vesciche cutanee sono delle raccolte di liquido tra il derma e l’epidermide.
Il piede gonfio o meglio edematoso, è una condizione clinica da tenere molto sotto controllo perché può essere causa di una patologia cardiaca, metabolica, vascolare e reumatica.
Il dito a martello è una deformità comune a livello delle dita del piede specialmente del II-III dito. Essa è caratterizzata da una flessione dell’articolazione intermedia (le dita hanno 3 falangi: prossimale, intermedia e distale) e conseguente flessione della falange distale.
La cute è il rivestimento esterno del corpo, protegge i tessuti sottostanti, ha funzione sensoriale, grazie alla presenza di recettori presenti, controlla l’evaporazione e ha una funzione di mediatore sociale con il mondo esterno.
Il piede piatto è una alterazione anatomica strutturale del piede caratterizzata dall’abbassamento della volta plantare (arco longitudinale) associato al valgismo del calcagno.
Il piede cavo è una malformazione anatomica del piede con prevalenza nel sesso femminile in cui si ha una aumento in altezza dell’arco longitudinale mediale (volta plantare).